Il Gatto Magico

Il Gatto Magico

Un nuovo esperimento collegato con il famoso gatto di Schrödinger dimostra che un “gatto quantistico” può essere simultaneamente vivo e morto e (e qui sta una parte di novità) anche in due luoghi contemporaneamente.

Il risultato, ottenuto forzando un grande numero di fotoni ad assumere stati identici (ed essere entangled, correlati a distanza o in risonanza), dimostra la capacità di manipolare (e influire su) stati quantici complessi, possibilità che apre orizzonti tutti da esplorare e che può avere anche ricadute pratiche, per esempio nell’ambito della elaborazione e della trasmissione di dati (informatica e comunicazioni).

Continua a leggere su Focus

Lascia un commento